Lutto per la morte di un fratello e aumento del rischio di morte

abbraccioSecondo un articolo pubblicato su Jama Pediatrics, il lutto per la morte di un fratello nell'infanzia è associato a un aumento del rischio di morte sia a breve che a lungo termine. «La morte di un parente vicino è associata a un rischio aumentato di mortalità tra chi è in lutto, ma si sa molto meno sulla potenziale associazione tra la morte di un fratello nell'infanzia e la mortalità in questa popolazione» afferma Yongfu Yu, dello Aarhus University Hospital in Danimarca, autore principale dello studio. I ricercatori hanno valutato una popolazione che comprendeva più di 5 milioni di bambini danesi e svedesi sopravvissuti ai primi sei mesi di vita; la morte di un fratello nell'infanzia, da 6 mesi a 18 anni, è stata sperimentata da 55.818 individui, l'1,1%, a un'età media era di 7 anni e 534 bambini in questo gruppo sono morti in un periodo di follow-up di 37 anni.

Rispetto a coloro che non hanno sofferto della morte di un fratello, il gruppo che aveva patito il lutto presentava un rischio di morte per tutte le cause aumentato del 71%, visibile in tutto il periodo di follow-up, anche se il rischio di morte maggiore è stato riscontrato nel primo anno dopo la morte di un fratello, e tra coppie di fratelli dello stesso sesso o con una differenza di età piccola. Le limitazioni dello studio includono la mancanza di dati sull'ambiente sociale e sulle caratteristiche familiari che potrebbero aiutare a spiegare i motivi sottostanti che collegano la morte del fratello all'aumento di rischio di morte per il bambino che ha sofferto il lutto; non è stato inoltre possibile escludere la possibilità di confondenti residui da parte di fattori non misurati.

Gli autori non sono stati in grado di definire con precisione alcune variabili che possono giocare un ruolo insieme al lutto, tra cui stress e fattori familiari e sociali, come le caratteristiche socioeconomiche e/o psicosociali degli individui, lo stato coniugale dei genitori e la qualità della relazione coniugale; questo anche a causa del fatto che pochi di questi fattori erano disponibili nei dati a disposizione degli autori. «I professionisti della sanità dovrebbero essere consapevoli della vulnerabilità dei bambini che hanno sperimentato la morte di fratelli, specialmente per le coppie di fratelli dello stesso sesso e le coppie di fratelli con un'età molto vicina. Il sostegno sociale può contribuire a ridurre il livello di dolore e a minimizzare i potenziali effetti negativi sulla salute degli individui colpiti» concludono i ricercatori. «Questo studio e altri rivelano la vulnerabilità preoccupante dei fratelli sopravvissuti alle malattie mentali e alla morte prematura» affermano James Bolton, della University of Manitoba a Winnipeg, Canada e colleghi, in un editoriale di accompagnamento. «Sfortunatamente, la salute dei membri della famiglia in lutto è spesso trascurata. Questa barriera potenziale nella fornitura del servizio richiede un riconoscimento da parte dei medici. I professionisti sanitari devono prendere in considerazione le necessità dell'intero sistema familiare ed estendere le cure quando appropriato a coloro che si trovano a soffrire il lutto» conclude l'esperto. 

(Fonte: Doctor33.it)